Blog

Tante idee per vivere al meglio le tue vacanze

L’antica ricetta degli Scarpinòcc

Piatto tipico della tradizione della ValSeriana, gli Scarpinòcc sono l’eccellenza gastronomica di Parre.

Sono paste ripiene che si differenziano dai classici casoncelli sia nel condimento, costituito da burro e da formaggio in abbondanza, sia nel ripieno, che è rigorosamente di magro. Questo perché si tratta di un piatto tramandato dalla cucina di un tempo che privilegiava ingredienti poveri ma che insieme danno un sapore unico.

Direttamente dai ricettari delle nonne, arriva la ricetta originale degli Scarpinòcc. Pronti a mettere le mani in pasta?



Ingredienti per 4 persone
(18 Scarpinòcc a testa)

Ripieno:
– 250 gr di pane grattugiato
– 300 gr di formaggio grattugiato tipo grana
– 1 uovo
– 180 ml di latte
– 20 gr di burro
– Spezie miste (sale, prezzemolo)

Pasta:
– 600 gr di farina
– 2 uova
– 250 ml di latte

Condimento:
– 300 gr di burro
– Salvia
– formaggio grattugiato tipo grana

Preparazione:

Mettete la farina a fontana sulla spianatoia, aggiungete latte e uova e impastate il tutto finché l’impasto non diventa morbido. Lasciatelo riposare per mezz’ora. Ricavate poi dei gnocchetti da stendere col mattarello per ottenere dei dischetti dal diametro di circa 8 cm e dello spessore di 1 mm. Mettete al centro del dischetto una pallina di ripieno di circa 5/6 gr, piegatelo a mezzaluna e premete bene i bordi, schiacciandoli con l’indice dal lato dritto per creare una cavità centrale e dare una forma a mo’ di barchetta.
A questo punto sono pronti per essere cotti, in abbondante acqua salata. A cottura ultimata (circa 17 minuti a fuoco lento) vanno tolti delicatamente dall’acqua con una schiumarola.
Mentre aspettate la cottura, friggete il burro con qualche foglia di salvia, sino a che non sarà completamente scomparsa la schiuma e il burro sarà divenuto di colore bruno.
Una volta pronti, togliete gli Scarpinòcc e disponeteli in una pirofila, cospargendoli con abbondante formaggio, che potete aromatizzare con un pizzico di spezie. Versate poi sopra il burro fuso bollente e serviteli ben caldi.

I vostri ospiti non potranno che apprezzare! Buon appetito!

CURIOSITÀ

La storia locale vuole che una mamma che stava impastando per realizzare questo piatto povero venne interrotta dal figlio che, vedendo queste curiose “barchette” di pasta ripiena, osservò: “Cara ü mama, i sömèa di scarpinòcc” (“Cara mamma, assomigliano alle scarpe di pezza”): pare che sia questo l’episodio che diede origine al nome del piatto parrese conosciuto anche al di fuori dei confini nazionali. Nel dialetto infatti il termine indicava le calzature artigianali di panno in uso fino a qualche decennio fa in paese. Era il classico piatto che si mangiava in occasione della festa patronale di S. Pietro: in tutte le case le massaie si prodigavano nell’impastare e amalgamare quei semplici ingredienti da cuocere e mangiare in famiglia.

Gruppi folkloristici locali sono impegnati da anni nella valorizzazione di questo prodotto tipico strettamente legato all’identità locale.

Gli Scarpinòcc si possono gustare alla tradizionale Sagra organizzata a Parre ogni anno il terzo weekend di agosto, durante il resto dell’anno nei ristoranti del paese o acquistarli nei negozi di alimentari a Parre.

Per maggiori informazioni: Pro Loco Parre