Ranica

Alle porte della ValSeriana tra antiche ville.

Primo comune della ValSeriana, Ranica vi conquisterà con il fascino delle sue numerose ville storiche.

La visita a queste meravigliose strutture non può che cominciare dall’ottocentesca Villa Camozzi, oggi sede del Centro per le Malattie Rare “Aldo e Cele Daccò” dell’Istituto Mario Negri, che si trova all’interno del Parco di Villa Camozzi, nell’omonima via nel centro del paese.

LEGGI ANCHE> SerioArt: Le ville storiche di Ranica

Altri bellissimi esempi sono Villa Baldini, in località Viandasso, Villa Beretta in località Chignola nonché Villa Morlacchi, situata in centro, alle spalle della Chiesa Parrocchiale dedicata ai Santi Sette Fratelli Martiri al cui interno possiamo ammirare numerose opere di artisti famosi quali Giovan Battista Moroni, Carlo Ceresa e Giovanni Cavagna.

Possiamo poi dirigerci verso il colle di Ranica e, percorrendo via Gamba, fermarci ad ammirare Villa Gamba, oggi sede del Centro di spiritualità e cultura Geltrude Comensoli che ospita le suore sacramentine.

Continuando sulla strada in salita arriviamo alla località San Rocco e, dopo una breve visita all’omonima chiesetta, possiamo inoltrarci nel sentiero nel bosco che ci porta all’interno del Parco dei Colli di Bergamo.

Da non perdere, per gli amanti dell’archeologia industriale, gli edifici della ex-filatura Zopfi ancora visibili nell’omonima via, a testimonianza della grande importante che questa fabbrica ebbe per la comunità ranichese.

LEGGI ANCHE> SerioArt: Archeologia industriale

Comune di Ranica
Superficie 4.06 Kmq
Abitanti 6018
Altitudine da 293 mslm
comune.ranica.bg.it