Premolo

Punto di partenza privilegiato per numerose escursioni naturalistiche, Premolo custodisce la tranquillità del borgo rurale.

Camminando per le vie di Premolo non possiamo non rimanere affascinati dalla tranquillità e dai numerosi edifici rurali caratteristici che popolano la parte antica del borgo, risalenti al XV-XVI secolo.

Questa passeggiata ci porta al centro del paese dove possiamo visitare la chiesa parrocchiale di Sant’Andrea, che conserva numerose opere, tra le quali alcune scultore di Andrea Fantoni. All’interno della chiesa è stata ricavata una cripta ipogea in pietra, importante luogo devozionale che custodisce le spoglie di Don Antonio Seghezzi, grande figura della chiesa bergamasca, morto martire nel campo di concentramento di Dachau.

Premolo è anche il punto di partenza privilegiato per numerose escursioni naturalistiche tra le quali consigliamo il sentiero dell’Alto Serio, proveniente dalla Calchera di Gorno e diretto a Cossaglio (frazione di Parre). Inoltre, poco più a monte, dalla località Bratte, parte il sentiero, contrassegnato con il segnavia del C.A.I. numero 245, che si addentra nella Val Dossana e raggiunge la val Gorgolina, laterale di quest’ultima.


Comune di Premolo

Superficie 17.63 Kmq
Abitanti 1.140
Altitudine da 625 mslm
www.comune.premolo.bg.it