SciAlpinismo e ciaspolate alla Baita alta d’Agnone

Valgoglio | Alta Valseriana | Ciaspolate e SciAlpinismo

Uscendo dal bosco da un lato si scorgono la cima del monte Pradella e la Capanna Giulia, dall’altro, la barriera del Timogno.

Dalla statale della Valle Seriana, seguire per Valbondione/Gromo; superato Ardesio, in corrispondenza del caseificio Paleni (prima dell’abitato di Gromo), prendere la strada a sinistra che conduce a Valgoglio.
Seguire sempre la strada fino ad arrivare alla Località Bortolotti (1142 m.s.l.m.), dove si parcheggia la macchina.

Qui una bacheca illustra il percorso da seguire per raggiungere la Baita Alta d’Agnone. Il percorso inizia lungo la carrareccia a destra della bacheca che sale a Foppa e a Sant’Antonio, la si segue per circa 1 chilometro sino
ad una deviazione: proseguendo, in breve si raggiungerebbe Sant’Antonio, mentre piegando a sinistra si prosegue per la ciaspolata (vedi segnavia CAI 228). Qui si possono calzare le ciaspole. Subito il tracciato si addentra
nel bosco e dopo pochi minuti, nei pressi di una curva si apre sulla destra un varco su Sant’Antonio e sui monti dell’alta ValSeriana. Ancora nel bosco si continua la salita, a tratti resa meno faticosa dal fondo battuto dal passaggio di motoslitte.

Dopo circa 1h di cammino si scorge sulla destra una lunga baita in legno colorato. Uscendo dal bosco a circa 1500m s.l.m da un lato si scorgono
la cima del monte Pradella e la Capanna Giulia. Dall’altro lato, la barriera del Timogno. Si sale guidati dalla traccia della stradetta sepolta sino ad arrivare sull’altopiano che ospita la Baita Alta d’Agnone, solitamente sommersa dalla neve (1768 m.s.l.m.). La discesa è da effettuare lungo l’itinerario di salita.

Dislivello: 650 m
Tempo di percorrenza: 2h
Periodo consigliato: dicembre – marzo
Difficoltà: Medio-facile

DETTAGLI

DOWNLOAD

Scheda stampabile