Sentiero dei Sapori

Alta ValSeriana | Sentiero dei Sapori


Descrizione del Sentiero dei Sapori

Il Sentiero inizia in località Valzella di Ardesio, presso il semaforo della strada Provinciale, e segue il tracciato che sale lungo la valletta fin sopra
i contrafforti di conglomerato, da dove attraverso un bosco ceduo giunge sino alla frazione Ludrigno.
Il percorso attraversa Ludrigno e quindi prende il sentiero vicinale che porta agli Staletti, dove incontra la strada comunale asfaltata seguendola
fino alla frazione Cerete; qui corre lungo la sterrata per i Cacciamali prendendo poi la deviazione per la località Camnare, sempre tenendosi sulla strada agro-silvo-pastorale sterrata.
Si prosegue per il tratto successivo, che porta fino al ponticello sul torrente Acqualina attraversando soprattutto formazioni boscate di abete
rosso. Superato il ponticello, il Sentiero dei Sapori si sviluppa sulla mulattiera che conduce sulla vecchia strada comunale sterrata per giungere fino all’incrocio con la nuova (asfaltata) ed attraversarla
per prendere un sentiero in bosco, che sale sopra i prati della frazione Marinoni e collega alla mulattiera per i Bani. Dai Bani si segue
la nuova strada per Novazza e quindi la vecchia mulattiera per Colarete, che in alcuni punti viene migliorata anche con ripristino dell’acciottolato.
A Colarete il sentiero dei Sapori da una parte scende verso Gromo seguendo la vecchia strada e dopo aver toccato il centro storico prende la Via Portula per salire fi no alla Ripa Alta. Da Colarete il Sentiero dei Sapori sale anche verso Valgoglio seguendo la vecchia mulattiera, e dopo aver attraversato la piazza incrocia la Via Mazzocca per seguirla fi no ad imboccare il tracciato che sale verso la località Gromla da dove si stacca per viaggiare verso la Ripa Alta.
Dopo la Ripa il sentiero entra in Comune di Gandellino scendendo verso la località Foppi da dove segue la strada asfaltata fi no al tornante che incrocia la strada agro-silvo-pastorale che conduce al ponticello romano della valle Grabiasca, per poi scendere nell’omonima frazione ed attraversare il fiume Serio per immettersi sulla pista ciclabile, tra le località Preda e Legnaro di Gandellino. Da qui il Sentiero dei Sapori corre sulla ciclabile fino ai Dossi di Valbondione dove attraversa il Serio tramite il nuovo ponticello Enel per poi immettersi sul sentiero di recente sistemazione che sale in quota fino alle Baite di Redorta. Questo tratto,
impegnativo per il consistente dislivello, è stato recentemente sistemato.
Dalle Baite Redorta il sentiero scende verso la località Salvasecca in parte lungo la strada agro-silvo-pastorale in parte sul tracciato in bosco, fino al piazzale SAB e da qui raggiunge la località Ponte tramite la strada asfaltata per poi salire nella piazza di Valbondione e proseguire lungo Via Beltrame fino al ponte sul fi ume Serio (prima di Pianlivere) che immette sul sentiero per Maslana.
Il sentiero prosegue quindi per la località Piccinella, attraverso il vecchio ponte sul Serio, e prosegue sulla strada forestale fino ad incrociare la
strada del Curò ed imboccare il tracciato che porta alle baite di Valbona per proseguire, in quota e sempre all’interno del bosco, verso Lizzola con un
lungo tracciato di grande interesse paesaggistico ed ambientale e bisognoso di diff usi interventi di manutenzione e sistemazione, così come sono necessari sulla vecchia mulattiera che da Lizzola scende a Valbondione, da dove il sentiero dei Sapori riprende la pista ciclabile.
Dai Dossi il sentiero dei Sapori prosegue sulla pista ciclabile fi no alla località Bondo di Gandellino per lasciarla in corrispondenza del percorso che conduce sulla vecchia mulattiera per i Tezzi Alti, in buone condizioni di manutenzione. Dai Tezzi Alti fino a Boario di Gromo il sentiero corre sulle esistenti strade agro-silvo-pastorali che consentono un comodo passaggio ed un’escursione di grande valore paesaggistico-ambientale nella caratteristica Valle Sedornia.
Anche il collegamento tra Boario e la località Botto Alto di Ardesio è rappresentata da un percorso in quota di alto valore paesaggistico per le ampie visuali sulla valle Seriana, recentemente sistemato.
Da Botto Alto si scende verso il paese con strade vicinali e comunali comode e si sale a Balatroni da dove si imbocca la strada sterrata e quindi il sentiero che conduce a Prato Fortino, per poi riprendere, salendo lungo la costa, il sentiero che conduce ad Oltressenda Alta, che il nostro percorso
raggiunge in corrispondenza della strada sterrata sotto i prati del Dosso.
Superato Nasolino, si imbocca il sentiero che porta ai caratteristici laghetti della Valzurio e da qui si scende seguendo la strada sterrata fino alla storica piazzetta di Ogna, in Comune di Villa d’Ogna, che rappresenta l’arrivo del Sentiero dei Sapori. La lunghezza complessiva del Sentiero dei Sapori è di m 64.057