Villa Camozzi – Ranica

L’ottocentesca Villa Camozzi, a Ranica è sede del Centro per le Malattie Rare “Aldo e Cele Daccò” dell’Istituto Mario Negri, che si occupa di ricerca e cura delle malattie rare. La Villa è un felice esempio di riconversione di un edificio con importanti caratteristiche storiche e artistiche in sede di attività innovative e tecnologie d’avanguardia.
La costruzione neoclassica, circondata da un parco di 60.000 mq con numerosi alberi secolari, fu costruita su progetto dell’architetto Simone Elia per i conti Camozzi, i cui figli Gabriele e Giovanni Battista sono noti per l’importante contributo dato alle lotte per l’Unità d’Italia.
Pregevole in particolare la facciata caratterizzata da eleganti elementi decorativi. Molto interessanti, lo scalone principale e la sala centrale con decorazioni di soggetto musicale, un ambiente che partendo da una pianta quadrata si sviluppa salendo in forma ottagonale. Notevole anche la piccola, ma elegantissima cappella di famiglia. Gli ambienti interni della Villa hanno conservato molte delle decorazioni originarie tipiche di una casa patrizia dell’800. In molte stanze si possono tuttora ammirare decorazioni di ottima fattura con temi floreali, zoologici e mitologici.
Il Centro Daccò che dal 1992 ha sede a Villa Camozzi, è un struttura in grado di sviluppare tutte le fasi di un progetto di ricerca e di tradurre efficacemente nella pratica clinica e nella cura dei pazienti i risultati ottenuti in laboratorio. Le linee di ricerca riguardano, oltre alle malattie rare, le malattie renali e le loro complicanze. Strategie terapeutiche innovative vengono studiate con tecniche di terapia genica e cellulare ma anche ingegneristiche e di medical imaging. Il Centro occupa attualmente circa 100 persone e dispone di laboratori, ambulatori e stanze per accogliere i pazienti in regime di day hospital, aule, sale riunioni, una sala conferenze con 140 posti e una biblioteca.

CONTATTI