Arte e vita contadina | 1

Prima tappa del viaggio nella cultura e nell’economia della ValSeriana e Val di Scalve.

La storia e l’economia della Valle Seriana sono strettamente legate alla cultura contadina che, ancora prima di quella commerciale ed industriale, era alla base della vita di ogni famiglia e si conserva oggi in diverse realtà museali e culturali sparse lungo tutta la Valle.

Luoghi di approfondimento e conoscenza sono i musei etnografici che attraverso le loro raccolte narrano ai visitatori storie di vita quotidiana, di lavori umili e faticosi ma anche tradizioni preziose che altrimenti rischierebbero di andare perse.

La media Valle ospita ad Albino, nella frazione di Comenduno, il Museo Etnografico della Torre. Incorporato in alcune sale della Villa Regina Pacis, attrae sin dall’esterno per la sua maestosità, all’interno ospita molte curiosità tra cui la ricostruzione di una “cantina contadina” e un percorso didattico che documenta la sequenza produttiva dal granturco al frumento.
Sempre ad Albino, nella frazione di Casale, il Museo etnografico della valle del Lujo conserva una serie di attrezzi dedicati agli antichi mestieri artigianali con un’attenzione particolare alla produzione dei “Biligòcc”, le castagne affumicate tipiche dalla contrada. La zona è infatti ricca di castagneti e il goloso frutto autunnale in passato veniva raccolto dai contadini e fatto affumicare per poterlo conservare più a lungo e per ricavarne farina. Nell’edificio che ospita il museo è possibile visitare un essiccatoio e scoprirne il funzionamento.

Ma il nostro percorso non finisce qui! Altre due tappe ci condurranno alla scoperta delle tradizioni in media ValSeriana e in Val di Scalve sulle tracce del tessile e in alta ValSeriana, vi racconteremo storie di acqua e case rurali.